Assad vince il 4° mandato con il 95% dei voti, nelle elezioni che l’Occidente definisce fraudolente

Assad vince il 4° mandato con il 95% dei voti, nelle elezioni che l’Occidente definisce fraudolente

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha vinto un quarto mandato con il 95,1% dei voti in un’elezione che estenderà il suo governo su un paese rovinato dalla guerra ma che gli oppositori e l’Occidente dicono sia stato segnato dalla frode.

Il governo di Assad afferma che le elezioni di mercoledì mostrano che la Siria funziona normalmente nonostante il conflitto decennale , che ha ucciso centinaia di migliaia di persone e cacciato 11 milioni di persone – circa la metà della popolazione – dalle loro case.

Il capo del parlamento Hammouda Sabbagh ha annunciato i risultati in una conferenza stampa giovedì, affermando che l’affluenza alle urne è stata di circa il 78%, con la partecipazione di oltre 14 milioni di siriani.

Le elezioni sono andate avanti nonostante un processo di pace guidato dalle Nazioni Unite che aveva richiesto il voto sotto la supervisione internazionale che avrebbe aiutato a spianare la strada per una nuova costituzione e una soluzione politica.

I ministri degli Esteri di Francia, Germania, Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno affermato in un comunicato in cui criticava Assad prima delle elezioni che il voto non sarebbe stato libero o equo. Anche la Turchia, un avversario di Assad, ha affermato che le elezioni sono illegittime.

La vittoria consegna ad Assad, 55 anni, altri sette anni al potere e allunga il governo della sua famiglia a quasi sei decenni. Suo padre, Hafez al-Assad, ha guidato la Siria per 30 anni fino alla sua morte nel 2000.

Gli anni di Assad come presidente sono stati definiti  dal conflitto iniziato nel 2011con proteste pacifiche prima di sfociare in un conflitto multiforme che ha fratturato il paese mediorientale e attirato amici e nemici stranieri.

“Grazie a tutti i siriani per il loro alto senso di nazionalismo e la loro notevole partecipazione. … Per il futuro dei bambini siriani e dei suoi giovani, iniziamo da domani la nostra campagna di lavoro per costruire la speranza e costruire la Siria”, ha scritto Assad al suo pagina Facebook della campagna.

La sfida più grande di Assad, ora che ha ripreso il controllo di circa il 70% del Paese, sarà un’economia in declino.

L’inasprimento delle sanzioni statunitensi, il collasso finanziario del vicino Libano, la pandemia di COVID-19 che colpisce le rimesse dei siriani all’estero e l’incapacità degli alleati Russia e Iran di fornire un sollievo sufficiente, le prospettive di ripresa sembrano scarse.

I raduni con migliaia di persone che sventolano bandiere siriane e tengono in mano le foto di Assad mentre cantano e ballano si sono svolti giovedì per tutto il giorno in occasione delle elezioni.

I funzionari hanno detto in privato a Reuters che le autorità hanno organizzato le grandi manifestazioni negli ultimi giorni per incoraggiare il voto, e l’apparato di sicurezza che è alla base del governo Assad dominato dalla minoranza alawita aveva incaricato i dipendenti statali di votare.

Il voto è stato boicottato dalle forze guidate dai curdi, sostenute dagli Stati Uniti, che amministrano una regione autonoma ricca di petrolio nel nord-est e nella regione nord-occidentale di Idlib, l’ultima enclave ribelle esistente, dove mercoledì la gente ha denunciato le elezioni con grandi manifestazioni.

Assad stava correndo contro due oscuri candidati, l’ex vice ministro del governo Abdallah Saloum Abdallah e Mahmoud Ahmed Marei, capo di un piccolo partito di opposizione ufficialmente sanzionato.

Marei ha ottenuto il 3,3% dei voti, mentre Saloum ha ricevuto l’1,5%, ha detto Sabbagh.

veronulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com