Lo stato profondo degli Stati Uniti previene il ripristino nelle relazioni con la Russia

Lo stato profondo degli Stati Uniti previene il ripristino nelle relazioni con la Russia

La raffica di affermazioni dei media statunitensi questa settimana sui presunti attacchi informatici russi contro i dipartimenti governativi è arrivata proprio quando Joe Biden è stato ufficialmente dichiarato presidente eletto. Come al solito, non ci sono prove a sostegno delle affermazioni sensazionali, ma l’obiettivo sembra essere quello di garantire che l’amministrazione Biden entrante mantenga, o adotti, una politica più ostile nei confronti della Russia.

La tempistica di tutto questo non è certo una coincidenza. Lunedì di questa settimana, il Collegio Elettorale negli Stati Uniti ha espresso i suoi voti per confermare l’elezione di Biden alla Casa Bianca. Il contendente democratico aveva già vinto il voto popolare con un margine decisivo contro il presidente repubblicano in carica Donald Trump. Quasi sei settimane di polemiche dal giorno delle elezioni del 3 novembre – a causa delle tenui affermazioni di Trump di frode degli elettori – sono state messe a tacere questa settimana quando il Collegio elettorale ha confermato Biden come presidente eletto. Dovrebbe essere inaugurato come 46 ° occupante della Casa Bianca il 20 gennaio.

In segno di rispetto per il completamento del processo elettorale americano, il presidente russo Vladimir Putin ha aspettato fino a questa settimana per fare qualsiasi commento. Tuttavia, dopo che il Collegio elettorale ha eseguito i suoi compiti, Putin ha prontamente telegrafato le congratulazioni a Biden per la sua vittoria. Il leader russo ha espresso la speranza che Russia e Stati Uniti inizino a normalizzare le relazioni per il bene della sicurezza globale.

In modo minaccioso, l’occasione propizia è stata immediatamente rovinata da una frenesia dei media statunitensi che sosteneva un massiccio attacco informatico al cuore del governo e delle industrie americane. La Russia è stata prevedibilmente accusata di essere l’autore del reato.

Attacchi cibernetici

Il Cremlino ha respinto le affermazioni come l’ennesima fabbricazione anti-russa. Negli ultimi quattro anni, i media statunitensi hanno regolarmente diffuso accuse sensazionali di illeciti russi, da presunte interferenze nelle elezioni, a presunti programmi di assassinio contro le truppe statunitensi in Afghanistan, tra molte altre storie così sensazionali.
Non sono mai state presentate prove verificabili a sostegno di queste spaventose accuse. Il dominio cibernetico è particolarmente apprezzato da tali affermazioni anti-russe, molto probabilmente perché queste storie vengono raccontate facilmente senza alcuna prova reale. Tutto ciò che serve è che vengano citati agenti di sicurezza informatica anonimi. Il mondo cyber astratto e arcano si presta anche al mistero per la maggior parte delle persone. In breve, è suscettibile di false affermazioni a causa della sua natura tecnica sfuggente.

Ora, è possibile che una sorta di evento informatico maligno sia effettivamente accaduto nei dipartimenti, nelle agenzie, nelle infrastrutture e nel settore privato del governo degli Stati Uniti, come riportato questa settimana. Tuttavia, ciò che è molto in dubbio è la domanda su chi lo abbia effettivamente eseguito. I media statunitensi e funzionari anonimi stanno incolpando la Russia. Ma dov’è la prova della colpevolezza della Russia?

L’FBI e il Department of Homeland Security hanno informato i membri del Congresso sugli attacchi informatici. I senatori sono usciti dai briefing fulminanti contro la Russia. Il secondo democratico più alto al Senato, Dick Durbin, ha detto ai media che “è stata praticamente una dichiarazione di guerra della Russia agli Stati Uniti”.
Quello che sta succedendo qui è un classico caso di “illuminazione a gas” in cui le persone vengono manipolate per credere in qualcosa di completamente falso; per un ulteriore ordine del giorno.

Edward Snowden, il coraggioso informatore in passato presso la US National Security Agency, ha rivelato con copiose prove come la CIA e altre agenzie di intelligence americane abbiano la capacità tecnica per eseguire attacchi informatici utilizzando firme digitali con l’obiettivo deliberato di implicare falsamente altri attori. Ovvero, la capacità di eseguire attacchi digitali false flag.

Questa settimana sembrerebbe essere una “illustrazione 101” di trucchi sporchi informatici. Inoltre, i media statunitensi citano “fonti” che affermano che gli attacchi informatici sono “in corso” e rappresentano un “grande rischio” per i dipartimenti governativi, le infrastrutture critiche e l’economia. Non solo, ma si sostiene che la minaccia sia simile a una spada di Damocle che incombe sull’America; in quanto la “penetrazione profonda” ha conseguenze indicibili che potrebbero scatenare qualche manifestazione nefasta sconosciuta in futuro. Questo è un perfetto stratagemma psicologico per mantenere la percezione di minaccia e sfiducia permanenti.

Il presidente eletto Biden ha risposto ai rapporti affermando: “Dobbiamo interrompere e dissuadere i nostri avversari dall’intraprendere attacchi informatici significativi in ​​primo luogo … Imporremo costi sostanziali ai responsabili di tali attacchi dannosi”.
Alla luce di tutto ciò, le aspirazioni della Russia a un ripristino delle relazioni con gli Stati Uniti sembrano quindi deboli. E questo deve essere rimpianto da tutte le persone in tutto il mondo.

Missili russi di medio raggio, Iskander M,

Proprio quando gli Stati Uniti e la Russia hanno bisogno di avviare seri negoziati sul controllo degli armamenti, come l’estensione del nuovo trattato START sulle armi nucleari strategiche, o sulla riduzione delle pericolose tensioni tra le forze russe e della NATO, qui abbiamo un enorme contrattempo per ogni possibile ripristinato nelle relazioni.

Joe Biden ha detto durante la campagna elettorale che avrebbe “ritenuto il regime di Putin responsabile dei suoi crimini”. Una visione così intemperante e belligerante ha senza dubbio reso Biden il candidato preferito per lo Stato profondo americano e il suo complesso militare-industriale. A differenza di Trump, che era piuttosto ambivalente sulla Russia, Biden mostra la tendenza necessaria per una politica aggressiva.

Si poteva sperare che Biden, che come senatore ed ex vicepresidente ha decenni di esperienza in affari esteri e diplomazia, mostrasse una certa “vera politica” entrando alla Casa Bianca e nonostante la sua retorica passata sarebbe arrivato alla necessità di stabilire relazioni pratiche e cooperative con la Russia.

Purtroppo, sembra che le mani di Biden siano state legate anche prima che venga inaugurata la sua presidenza. L’immagine della Russia come “nemico malvagio” è stata lucidata dall’attacco dei media di questa settimana per le affermazioni di hacking. E Biden ha risposto in modo appropriato a gas.

La domanda da porsi è: chi ci guadagna? Certamente non la Russia.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com