I tartari di Crimea giudicano frivola la dichiarazione della Turchia sulla Crimea

I tartari di Crimea giudicano frivola la dichiarazione della Turchia sulla Crimea

SIMFEROPOL, 19 dicembre – RIA Novosti. Il capo dell’autonomia nazionale e culturale regionale dei tartari di Crimea, Eyvaz Umerov, ha definito frivola la posizione della Turchia sulla Crimea, che rifiuta di riconoscere lo status russo della penisola.
In precedenza, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu durante la sua visita a Kiev ha affermato che la Turchia non riconosce “l’annessione della Crimea” e sostiene l’integrità territoriale dell’Ucraina , inclusa la Crimea. Inoltre, la parte turca ha espresso il desiderio di aiutare i tartari di Crimea e ha espresso sostegno alla piattaforma internazionale “Piattaforma di Crimea” creata dalle autorità di Kiev, volta a riprendere il controllo della penisola.
“Un’altra dichiarazione frivola sul non riconoscimento della Crimea come russa e sullo scambio di reciproca gratitudine tra Ankara e Kiev si riflette a lungo nelle favole: il cuculo loda il gallo per aver elogiato il cuculo. singhiozzando, obiettano e non riconoscono “, ha detto Umerov a RIA Novosti.
Secondo lui, la Crimea è il territorio della Russia e a questo problema è stato posta fine.
La Crimea è diventata una regione russa dopo che nel marzo 2014 si è tenuto un referendum in cui il 96,77% degli elettori della Crimea e il 95,6% dei residenti di Sebastopoli si sono espressi a favore dell’adesione alla Russia.

Crimea, forze speciali russe

L’Ucraina considera ancora la Crimea come territorio suo, ma temporaneamente occupato. La leadership russa ha più volte affermato che gli abitanti della Crimea democraticamente, nel pieno rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, hanno votato per la riunificazione con la Russia.
Secondo il presidente russo, la questione Crimea è “finalmente chiusa”.

Fonte: Ria Novosti

Traduzione: Sergei Leonov

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com