Le Priorità malate dell’America

Le Priorità malate dell’America

di Finian Cunningham

Questa settimana il Congresso degli Stati Uniti sta spingendo attraverso un altro budget militare da record mentre decine di milioni di americani stanno fissando l’abisso della miseria natalizia a causa della povertà e delle malattie. Le priorità contorte dei politici di Washington mostrano che il sistema politico americano è malato oltre le parole.

Con appena un intoppo, la Camera controllata dai Democratici ha votato per una spesa militare di 740 miliardi di dollari per l’anno successivo . Anche il Senato dovrebbe seguire l’esempio e approvare il disegno di legge in breve tempo. Il presidente Trump se ne sta lamentando, non a causa della maggiore generosità fiscale, ma perché il disegno di legge contiene una misura aggiuntiva per rinominare le basi militari che prendono il nome dai generali confederati della guerra civile. Parla di correttezza politica assurda!

Nel frattempo oltre la metà della popolazione della nazione di 330 milioni è perseguitata dalla privazione esacerbata dalla pandemia di coronavirus. Decine di milioni hanno perso il lavoro e altrettanti di nuovo stanno affrontando lo sfratto dalle loro case a causa di debiti non pagati.

Gli ospedali di ogni stato stanno lottando per far fronte all’ondata di persone ammalate dal virus Covid-19 mentre il bilancio delle vittime negli Stati Uniti si avvicina a 300.000 da quando la pandemia è scoppiata quasi nove mesi fa . Gli Stati Uniti registrano di gran lunga il maggior numero di morti a causa della malattia nel mondo, ma i suoi cittadini vengono abbandonati senza un’adeguata assistenza sociale e assistenza medica.

Gli americani chiedono a gran voce assistenza economica urgente per far fronte alla disoccupazione e per mettere in tavola il cibo per le loro famiglie, eppure il loro Congresso sta ancora discutendo e ritardando l’approvazione di una legge sulla pandemia perché “costerebbe troppo”.
Una soluzione facile sarebbe se il bilancio militare degli Stati Uniti fosse reindirizzato per soddisfare i bisogni sociali e la crescente situazione dei suoi cittadini alle prese con povertà e malattie.

Un’altra fonte di sollievo e di possibile ricostruzione sociale sarebbe se una tassa progressiva ragionevole venisse riscossa sulla ricchezza eccessiva dell’élite in una nazione in cui un pugno di miliardari possiede tanto capitale quanto metà della popolazione.

Uno studio pubblicato questa settimana da Americans for Tax Fairness ha rilevato che i miliardari statunitensi hanno aumentato la loro ricchezza netta di $ 1.000 miliardi da quando è scoppiata la pandemia a marzo. Sì, è vero: in soli nove mesi, la classe dei miliardari ha aumentato la propria ricchezza complessiva di $ 1 trilione.

Miliardari, Zukemberg, Bezos, Gates

“Mai prima d’ora l’America ha visto un tale accumulo di ricchezza in così poche mani”, ha detto Frank Clemente, direttore esecutivo di Americans for Tax Fairness.
Ha aggiunto in modo acuto: “Mentre decine di milioni di americani soffrono per la salute e le devastazioni economiche di questa pandemia, poche centinaia di miliardari si aggiungono alle loro enormi fortune. I loro profitti pandemici sono così immensi che i miliardari americani potrebbero pagare un importante conto di soccorso Covid e ancora non perdere un centesimo delle loro ricchezze pre-virus “.

Non dovrebbe quindi essere una sorpresa che gli Stati Uniti stiano crollando a causa della pandemia. Quella società è in agonia a causa della sua endemica economia politica patologica che la pandemia sta solo esponendo senza pietà.

La classe politica americana è comprata e pagata da miliardari che vogliono guerre infinite per alimentare il complesso militare-industriale e infiniti privilegi fiscali per alimentare la loro insaziabile e irrazionale accumulazione di ricchezza. Il sistema politico è separato dai bisogni della stragrande maggioranza che è lasciata morire in povertà, malattie e privazioni.

L’America è l’antitesi della “democrazia” nonostante tutti i lavaggi del cervello che dichiarano l’”eccezionalismo” e la “grandezza” virtuosa della “democrazia americana”. È questa invece una putrida plutocrazia, gestita da e per gli oscenamente ricchi e i loro tirapiedi politici a Washington, molti dei quali sono plutocrati stessi.

Donald Trump non ha cambiato il sistema, e nemmeno Joe Biden. Non sono nemmeno in grado di concepire i cambiamenti necessari e indispensabili. Il compito va ben oltre un semplice cambio di personale alla Casa Bianca o al Congresso. Quello che dovrebbe cambiare è l’intero sistema che è organizzato per funzionare come una ricchezza plutocratica e una macchina generatrice di guerra. Questo richiederà un’azione di massa da parte della coscienza politica organizzata. La priorità assoluta è soddisfare il bisogno sociale della maggioranza dei cittadini rispetto al profitto privato, richiedendo la rottura del capitalismo e delle sue catene sul potenziale umano.

Forze USA nel Budget del Pentagono

Repubblicani e Democratici, compresi milionari come l’autoproclamato “socialista” Bernie Sanders e altri cosiddetti progressisti, sono parte del problema, non la soluzione.

La presunta divisione tra destra e sinistra nella politica statunitense è un miraggio. Un’illusione assurda. Entrambi i partiti sono due facce dello stesso doblone d’oro che finisce sempre nelle tasche senza fondo dei ricchi: i banchieri, le grandi società e i racket della guerra.

Quando un’entità è così assolutamente corrotta, diventa inevitabilmente esteriormente moribonda. La miseria del popolo americano si riflette nella morte e nella sofferenza di tanti altri in tutto il mondo dalle guerre degli Stati Uniti, dall’Afghanistan allo Yemen e oltre. Le priorità malate producono più malattie e morte. Le prove della realtà ci stanno fissando in faccia.

*Finian Cunningham ha scritto molto su affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in Chimica Agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come redattore e scrittore in importanti organizzazioni di mezzi di informazione, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent.

Fonte: “ Information Clearing House ”

Traduzione: Luciano Lago

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com