Il presidente Putin chiede una risposta urgente al dispiegamento missilistico dell’Occidente ai confini della Russia

Il presidente Putin chiede una risposta urgente al dispiegamento missilistico dell’Occidente ai confini della Russia

La Russia ha più volte rilevato la presenza di navi da guerra NATO, comprese navi missilistiche da crociera, in prossimità delle acque territoriali russe, inasprendo le già tese relazioni tra Mosca e il blocco occidentale.
Il presidente Vladimir Putin ha detto al ministero della Difesa di rispondere prontamente agli schieramenti missilistici da parte delle nazioni occidentali vicino ai confini russi, se dovesse sorgere una tale necessità.

Nel suo discorso all’ultimo forum del ministero della Difesa dell’anno, Putin ha evidenziato la natura “incessante” delle attività militari della NATO, lamentando il fatto che gli Stati Uniti, in particolare, abbiano abbandonato diversi trattati internazionali, degradando così i sistemi controllo globale degli armamenti.

“Non produrremo e dispiegheremo missili a medio e corto raggio nella parte europea della Russia o in qualsiasi altra regione del paese. Ma dobbiamo essere pronti a reagire rapidamente se i paesi occidentali posizionano tali armi vicino al nostro paese. confini “, ha detto Putin.

Il presidente ha assicurato che la Russia continua ad analizzare la situazione geostrategica e politica nel mondo e prevede possibili scenari, tenendo conto delle potenziali minacce e dell’espansione delle capacità militari dell’esercito e della marina russa.

Ha aggiunto che la Russia continuerà a sviluppare rapidamente le sue forze armate e manterrà un’elevata prontezza al combattimento delle sue forze nucleari per garantire la sicurezza e mantenere la parità strategica nell’arena globale.

Negli ultimi mesi, aerei e navi da guerra della NATO sono stati avvistati molte volte dall’intelligence russa vicino ai confini del paese. La Russia ha ripetutamente avvertito che tali incidenti comportano il rischio di un’escalation accidentale.

Il picco delle tensioni segue anche la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dal Trattato Cieli Aperti. A maggio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che Washington si sarebbe ritirata dal trattato e non vi avrebbe aderito “fino all’adesione [della Russia]”. Gli Stati Uniti hanno completato il processo di uscita dall’accordo alla fine di novembre.

Il presidente Putin chiede una risposta urgente al dispiegamento missilistico dell’Occidente ai confini della Russia
La Russia ha più volte rilevato la presenza di navi da guerra NATO, comprese navi missilistiche da crociera, in prossimità delle acque territoriali russe, inasprendo le già tese relazioni tra Mosca e il blocco.
Il presidente Vladimir Putin ha detto al ministero della Difesa di rispondere prontamente agli schieramenti missilistici da parte delle nazioni occidentali vicino ai confini russi, se dovesse sorgere una tale necessità.

Nel suo discorso all’ultimo forum del ministero della Difesa dell’anno, Putin ha evidenziato la natura “incessante” delle attività militari della NATO, lamentando il fatto che gli Stati Uniti, in particolare, abbiano abbandonato diversi trattati internazionali, degradando così i sistemi controllo globale degli armamenti.

“Non produrremo e dispiegheremo missili a medio e corto raggio nella parte europea della Russia o in qualsiasi altra regione del paese. Ma dobbiamo essere pronti a reagire rapidamente se i paesi occidentali posizionano tali armi vicino al nostro paese. confini “, ha detto Putin.

Il presidente ha assicurato che la Russia continua ad analizzare la situazione geostrategica e politica nel mondo e prevede possibili scenari, tenendo conto delle potenziali minacce e dell’espansione delle capacità militari dell’esercito e della marina russa.

Ha aggiunto che la Russia continuerà a sviluppare rapidamente le sue forze armate e manterrà un’elevata prontezza al combattimento delle sue forze nucleari per garantire la sicurezza e mantenere la parità strategica nell’arena globale.

Negli ultimi mesi, aerei e navi da guerra della NATO sono stati avvistati molte volte dall’intelligence russa vicino ai confini del paese. La Russia ha ripetutamente avvertito che tali incidenti comportano il rischio di un’escalation accidentale.

Putin con i suoi ufficiali

Il picco delle tensioni segue anche la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dal Trattato Cieli Aperti. A maggio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che Washington si sarebbe ritirata dal trattato e non vi avrebbe aderito “fino all’adesione [della Russia]”. Gli Stati Uniti hanno completato il processo di uscita dall’accordo alla fine di novembre.

Lo stesso presidente russo Vladimir Putin ha avvertito oggi che la pandemia di coronavirus ha causato lo scoppio di nuovi conflitti nel 2020, riacceso quelli vecchi e accentuato le tensioni in varie regioni del mondo dal Caucaso al Medio Oriente e all’Africa.

“Sembrerebbe che questo sia il momento per esigere dai leader mondiali, dall’intera comunità internazionale, la massima responsabilità (…). Purtroppo non è sempre stato così”, ha detto Putin presiedendo la riunione di fine anno del personale delle Forze Armate.

Fonti: Sputnik News – News Front

Traduzione: Luciano Lago

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com