Il missile ipersonico “Zircon” della Russia prende il volo. “Non può essere visto sul radar”. Implicazioni strategiche

Il missile ipersonico “Zircon” della Russia prende il volo. “Non può essere visto sul radar”. Implicazioni strategiche

di Brian Berletic (*)
I media statali russi hanno riportato un volo di prova di successo del suo nuovo missile ipersonico, lo Zircon. Volando a Mach 8 (8 volte la velocità del suono o circa 10.000 km / h), il missile rappresenta una nuova e credibile minaccia per i sistemi di difesa aerea dei potenziali aggressori.

Sparato da tubi di lancio verticali su una nave da guerra russa, il missile è in grado di colpire sia obiettivi in ​​mare che a terra. Questo test più recente si è svolto su un raggio di 350 chilometri, ma è stato riferito che il missile è in grado di raggiungere distanze fino a 1.000 chilometri.
Tale portata significherebbe che i missili lanciati dal Mar Mediterraneo, ad esempio, potrebbero colpire praticamente qualsiasi obiettivo durante il conflitto siriano in corso, sia all’interno della Siria ma anche nelle nazioni vicine che sostengono i militanti che combattono contro il governo siriano ei suoi alleati russi.

L’Occidente sta minimizzando le capacità di “Zircon” di nascondere le paure?

I media occidentali hanno riferito per un po ‘di missili ipersonici russi. E ora che i primi missili Zircon hanno preso il volo in test presumibilmente riusciti – la speculazione tra l’Occidente e un tentativo di minimizzare i risultati tecnologici della Russia si trova in pieno movimento.

Articoli come Popular Science, “Non credere al clamore sul missile ipersonico russo”, affermano:
Nonostante i titoli dei giornali al contrario, non si sa ancora abbastanza del missile per affermare con certezza che rappresenta una minaccia irrefrenabile per le navi in ​​mare.

L’articolo continua sottolineando che la velocità da sola non è necessariamente una caratteristica imbattibile del missile Zircon e che una capacità di manovra – in particolare la manovrabilità di fine partita subito prima di colpire un bersaglio – lo renderebbe una minaccia veramente credibile e quasi inarrestabile per le flotte di nazioni aggressori.

Poi c’è l’articolo di Military.com, “Perché i missili ipersonici della Russia non possono essere visti sul radar”, che osserva (enfasi aggiunta):

Il missile vola con un carburante avanzato che secondo i russi gli dà un’autonomia fino a 1.000 chilometri. Ed è così veloce che la pressione dell’aria davanti all’arma forma una nuvola di plasma mentre si muove, assorbendo le onde radio e rendendola praticamente invisibile ai sistemi radar attivi.

I sistemi di intercettazione missilistici Aegis statunitensi richiedono 8-10 secondi di tempo di reazione per intercettare gli attacchi in arrivo. In quegli 8-10 secondi, i missili Zircon russi avranno già percorso 20 chilometri ei missili intercettori non volano abbastanza velocemente per raggiungerli.

L’unica speranza per fermare un missile Zircon in arrivo – o qualsiasi missile ipersonico per quella materia – sarebbe quella di rilevarlo abbastanza presto ed essere in grado di reagire abbastanza velocemente da lanciare difese sul suo percorso di volo. Escludendo la sua capacità di manovra all’ultimo momento per eludere queste difese, c’è la possibilità di intercettarle.

Ma questo avviene se vengono lanciati solo uno o pochi missili. Anche un vero e proprio gruppo d’attacco di portaerei statunitensi sarebbe in grado di abbattere solo così tanti di questi missili contemporaneamente.

Il filmato reso disponibile del recente volo di prova dello Zircon mostra che si sta dispiegando da uno dei numerosi tubi di lancio verticali, il che significa che in futuro – più missili saranno a bordo di una determinata nave militare russa – il che significa che diverse navi possono lanciare diversi missili in qualsiasi momento.

Con la possibilità di modificare di conseguenza le loro traiettorie di volo, un gran numero di missili potrebbe raggiungere uno o più bersagli potenziali contemporaneamente e da più angolazioni, travolgendo anche le migliori difese aeree in un processo noto come saturazione.

Ciò significa che se un numero sufficiente di questi missili dovesse entrare in servizio con le forze navali russe e se dovesse sorgere la necessità di usarli, un gran numero può essere utilizzato per sopraffare i sistemi di difesa aerea anche se sono sintonizzati specificamente per contrastare armi ipersoniche come il missile Zircon.

Obiettivo: Aumentare il costo dell’aggressione militare occidentale USA/NATO

Non solo lo sviluppo e il dispiegamento tra la flotta russa di missili ipersonici Zircon danno alla Russia un’altra arma convenzionale che funge da deterrente contro l’aggressione occidentale, ma la prospettiva che queste armi vengano vendute agli alleati estenderebbe una deterrenza credibile ben oltre i confini e le coste della Russia. .

In effetti, il think-tank con sede negli Stati Uniti – RAND Corporation – ha descritto in dettaglio la minaccia che la proliferazione pone all’aggressione militare statunitense in tutto il mondo in un lungo documento politico intitolato “Non proliferazione missilistica ipersonica: ostacolo alla diffusione di una nuova classe di armi”.

Navi russe nel Mediterraneo

Il documento osserva che:

… a causa delle difficoltà di difesa contro i missili ipersonici, forze ipersoniche relativamente piccole possono rappresentare una minaccia contro le forze proiettate in avanti delle grandi potenze, o persino minacce deterrenti contro le patrie delle grandi potenze.

E questa “minaccia” alle “forze proiettate in avanti” delle “grandi potenze” – che si riferisce quasi esclusivamente agli Stati Uniti ed è costituita da molteplici campagne di aggressione militare, occupazione e intervento in tutto il mondo – ed è esattamente quello che gli Stati Uniti temono maggiormente.

È una deterrenza militare non nucleare in grado di affondare una flotta statunitense o demolire una base militare statunitense costruita illegalmente in una nazione occupata, e da cui gli Stati Uniti hanno pochissimi mezzi per difendersi. Non c’è nemmeno un vero pretesto per opporsi a una nazione che sviluppi o acquisisca tali armi, oltre alla capacità dei missili ipersonici di contrastare un’aggressione militare altrimenti illegale condotta dagli Stati Uniti. Sarebbe una cosa molto difficile da fare e produrre come una politica molto difficile da vendere alla comunità internazionale.

Per gli stessi Stati Uniti – una nazione circondata da due vasti oceani – l’Atlantico e il Pacifico – la prospettiva che i missili ipersonici rappresentino una minaccia per il loro territorio reale è minima. Sono le sue forze militari dispiegate illegalmente impegnate in un’aggressione militare altrettanto illegale in tutto il mondo ad essere le più a rischio.

Il documento della RAND Corporation che sostiene le mosse per limitare la proliferazione di missili ipersonici è già una battaglia in salita. Sebbene non sia ipersonico, il missile da crociera BrahMos incredibilmente veloce e avanzato – sviluppato congiuntamente da Russia e India – è destinato a essere ulteriormente sviluppato in un missile ipersonico nel prossimo futuro.

Nave russa lanciamissili

Questa tecnologia sarà senza dubbio proliferata da nazioni come Russia e Cina, in particolare a causa del controllo e dell’equilibrio che serve contro l’aggressione militare statunitense in tutto il mondo – un’alternativa non nucleare che alza la posta in gioco e il prezzo per l’aggressione militare statunitense, lasciando così i politici a Washington e i loro sponsor a Wall Street con una concorrenza e una collaborazione più costruttive come loro uniche alternative.

In molti modi, il missile ipersonico russo – lo Zircon – non è solo un risultato tecnologico o una capacità militare formidabile e recentemente acquisita – è anche una componente utile di uno sforzo diplomatico molto più ampio per spostare il mondo dalle regole unipolari dominate dall’Occidente -basato sull’ordine internazionale ”- quello caratterizzato dall’aggressione militare occidentale – verso il multipolarismo dove il costo del conflitto è più alto del costo della concorrenza leale e della cooperazione.

*Brian Berletic è un ricercatore e scrittore di geopolitica con sede a Bangkok, in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook” dove questo articolo è stato originariamente pubblicato (Fonte).

Traduzione: Luciano Lago

*

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com