Pechino Avverte Che I “Cinque Occhi” (Five Eyes) Potrebbero Essere Resi Ciechi dalla Cina

Pechino Avverte Che I “Cinque Occhi” (Five Eyes) Potrebbero Essere Resi Ciechi dalla Cina

di Drago Bosnic

PECHINO – In riferimento alla dichiarazione congiunta dell’organismo “Rebutting the Five Eyes” (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda) che stigmatizza la recente decisione del massimo legislatore cinese di squalificare 4 legislatori sleali di Hong Kong, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha espresso forte insoddisfazione e ferma opposizione a ripetute interferenze esterne negli affari interni della Cina.
Lijian ha ammonito direttamente l’alleanza Five Eyes di non cercare di interferire e danneggiare la sovranità e la sicurezza della Cina.

“Non importa quanti ‘occhi’ hai, fai attenzione a non puntarli male e diventare cieco, danneggiando la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina”, ha detto Zhao in una conferenza stampa di routine giovedì, ha riferito il Global Times.

Mercoledì, il gruppo di condivisione dell’intelligence “Five Eyes” (un sistema di sorveglianza comune) composto da Australia, Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda e Stati Uniti aveva accusato la squalifica dei membri del Consiglio legislativo di Hong Kong (LegCo), fatta da parte del principale organo legislativo cinese per essere questa presumibilmente “parte di una campagna per mettere a tacere i critici ”, e ha invitato Pechino a reintegrarli.

Zhao ha criticato la dichiarazione come una palese interferenza negli affari interni della Cina che viola in modo flagrante il diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali.

“Alcuni paesi occidentali sono stati abituati a prendere posizione su ogni questione relativa a Hong Kong, usandola per attaccare il sistema politico cinese”, ha riferito al Global Times, Fan Peng, ricercatore presso l’Istituto di scienze politiche dell’Accademia cinese delle scienze sociali giovedì, aggiungendo: “Stanno usando Hong Kong solo come contrappeso alla Cina nelle questioni internazionali e non fanno mai nulla per gli interessi dei cittadini di Hong Kong”.

“Di fronte alla forte volontà nazionale della Cina, alleanze sciolte come i Five Eyes, formate allo scopo di realizzare profitti, sembrano uno scherzo”, ha osservato Fan.

Giovedì scorso, il portavoce del portavoce dell’Ufficio del Commissario del Ministero degli Affari Esteri nella RAS di Hong Kong ha respinto l’accusa dei Cinque Occhi di violazione della Dichiarazione congiunta sino-britannica da parte della Cina

Proteste e violenze ad Hong Kong

“Nessuna parola o clausola nel documento, che ha complessivamente otto paragrafi e tre allegati, concede al Regno Unito alcuna responsabilità nei confronti di Hong Kong dopo il ritorno della città, ancor meno alcun diritto di intromettersi negli affari di Hong Kong. Il Regno Unito non ha la sovranità, la giurisdizione o il diritto di controllare Hong Kong, e allo stesso modo altri paesi non sono in condizione di fare commenti ingiustificati sugli affari di Hong Kong con il pretesto della Dichiarazione Congiunta “, ha detto.

La dichiarazione dei Five Eyes mostra che l’Occidente ha meno carte da giocare negli affari di Hong Kong nell’era successiva alla legge sulla sicurezza nazionale, ha detto Fan.

“Cinque o 10 anni fa, una simile dichiarazione di condanna avrebbe potuto avere un impatto sulla comunità internazionale”, ha osservato Fan, aggiungendo: “Ma il mondo ha visto la determinazione della Cina e l’incitamento malizioso di alcuni paesi occidentali, e questa affermazione sembra uno scherzo.”

Poco dopo che la massima legislatura cinese ha adottato una decisione l’11 novembre sulle qualifiche per i membri della LegCo, quattro legislatori dell’opposizione – Alvin Yeung Ngok-kiu, Kwok Ka-ki, Dennis Kwok Wing-hang e Kenneth Leung Kai-cheong – che hanno un famigerato record per la creazione di problemi e sono ritenuti inadatti ai loro doveri LegCo, sono stati squalificati dall’organismo legislativo locale di Hong Kong con effetto immediato.

Zhao ha sottolineato: “È giusto e corretto consentire solo ai patrioti di governare Hong Kong, e coloro che si oppongono alla Cina e creano problemi a Hong Kong dovrebbero essere fuori sede”.

Nota: Altri funzionari cinesi del Ministero degli Esteri, hanno invitato i governi dei paesi dei “Five Eyes” a occuparsi delle violazioni dei diritti umani e dei crimini che questi governi stanno compiendo ancora oggi in paesi come la Siria, lo Yemen, l’Iraq o l’Afghanistan, piuttosto che pontificare su Hong Kong e sulla Cina.

Fonte: Fort Russ

Traduzione e nota: Luciano Lago

veronulla