La Russia si interroga sull’opportunita’ di avere relazioni con la UE

La Russia si interroga sull’opportunita’ di avere relazioni con la UE

di Karine Bechet Golovko

L’abbandono della politica estera europea è doloroso da vedere. Ma come possono paesi che hanno rinunciato alla loro sovranità nazionale a favore di un’istituzione che difende altri interessi avere una propria visione strategica su cui costruire la propria politica estera?
Quello che osserviamo, se ci fosse ancora qualche dubbio, dimostra la sua impossibilità. Tra l’utilizzo da parte di alcuni paesi delle strutture europee per guidare la lega anti-russa e le dichiarazioni vendicative della Germania verso la Russia, con cui bisognerebbe parlare “da una posizione di forza” (secondo la ministra tedesca Difesa), l’Europa si sta isolando in questo continente, in nome di un cieco americanismo, che non apporta nè gloria né la sua forza.

E la leggendaria pazienza della Russia nella politica internazionale sta cominciando a finire: Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si chiede apertamente se sia opportuno continuare a mantenere i rapporti con l’UE, quando il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ricorda alla Germania che questa “posizione di la forza ”verso la Russia gli è già costata cara nella Storia, tanto quanto nel continente europeo. Si potrebbe aggiungere che questo è costato l’indipendenza dei paesi europei.
Le relazioni russo-europee sono nel peggiore dei casi e sarebbe bello se i paesi europei ricordassero la loro esistenza e i loro interessi strategici, che sono con e non contro la Russia.
La scorsa settimana due eventi hanno segnato le relazioni russo-europee. Innanzitutto, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov , in visita di lavoro in Bielorussia, ha affermato che è sorta la questione dell’opportunità di per sé di lavorare con le strutture europee attualmente:
“Da parte nostra, non ci interroghiamo sul modo, usuale o no, di costruire le nostre relazioni, ma sull’opportunità di collaborare con le strutture di Bruxelles, purché funzionino così”.

Secondo Lavrov, il problema deriva dal comportamento ostile di alcuni paesi europei, comportamento che è visto favorevolmente dalle strutture europee. Inoltre, molti paesi europei sono abituati a parlare con altri paesi da una “posizione di forza”. In altre parole, tra lo svilimento dei nuovi arrivati ​​e il complesso di superiorità della vecchia Europa, avvolta in quello che era, la diplomazia europea è lontana dal suo periodo di massimo splendore.

Questa osservazione è stata illustrata direttamente dal ministro della Difesa tedesco, intervenendo al Bundestag, ha dichiarato l’importanza di discutere con la Russia una posizione di forza, se si vuole parlare di disarmo, perché la recente modernizzazione degli armamenti russi rappresentano un problema di sicurezza. Il ricorso alla “posizione di forza” è, secondo il ministro, una tradizione nazionale:
“Questa è sempre stata una buona posizione tradizionale nella politica estera tedesca e deve rimanere tale in futuro”.

Merkel e ministro Difesa si sentono “in posizione di forza”

Questa dichiarazione non ha mancato di provocare reazioni in Russia. Immediatamente il portavoce del Ministero degli Affari Esteri ha ricordato le attuali realtà della “forza” della Germania, Paese totalmente dipendente per la sua difesa dagli Stati Uniti, che occupa, dopo il Giappone, il contingente americano nel straniero più importante che immagazzina, non possiede, armi nucleari:

“Quando c’è una forza ma non è tua, non puoi controllarla e non ti è permesso usarla, e quindi hai paura di perderla, è un indizio di dipendenza. . In poche parole, in una posizione debole ”.

Il Ministero della Difesa si spinge ancora oltre e giustamente sottolinea che questa “tradizione” ha già portato a conseguenze disastrose in Europa:

“Siamo obbligati a ricordare alla signora Kramp-Karrenbauer che proprio la ‘buona tradizione’, di cui ha parlato nei giorni scorsi davanti al Bundestag, della politica estera tedesca di condurre un dialogo da una posizione di forza ha già portato a Novecento con tragiche conseguenze per il mondo intero, per la stessa Germania e per il popolo tedesco ”.

Ministro Difesa russo Shoigu

Shoigu , il ministro della Difesa russo, oltre ad offrire ai tedeschi di chiedere ai nonni cosa si prova a parlare alla Russia di una posizione di forza, ha ricordato che nel Mar Nero un nave, Armenia, affondata dall’esercito nazista nel 1941. A bordo c’erano da 6 a 10.000 profughi e feriti. Secondo Choïgou, questo è esattamente ciò che dobbiamo ricordare ai leader attuali, “soprattutto ora, quando questa nuova generazione di leader, diciamo tedeschi, inizia a darci lezioni e vuole parlarci da una posizione di forza”.

La retorica europea resta retorica ed è difficile scorgervi altro che un triste spettacolo, spesso ripetuto, di qualità media, che difficilmente maschera la debolezza dei nostri paesi europei di oggi. Tuttavia, sarebbe bene non trascurare i rischi, che debolezza e schiavitù possono sempre comportare, a forza di pungere e irritare nascondendosi dietro al fratello maggiore, in particolare quello di essere addestrati “tuo malgrado” , ma di per sé, nei conflitti, che non servono i nostri interessi strategici. Come ha scritto Gustave le Bon:
“Nella politica internazionale, ripetuti spilli e aghi alla fine portano al fuoco dei cannoni”.

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com
traduzione: Luciano Lago

veronulla