Kedmi: Gli americani sono seriamente preoccupati per il possibile ripristino della base militare russa a Cuba

Kedmi: Gli americani sono seriamente preoccupati per il possibile ripristino della base militare russa a Cuba

Il Pentagono ritiene giustamente che questa mossa consentirebbe alla Russia di aumentare la sua influenza sugli sviluppi nell’arena internazionale.
Yakov Kedmi, ex capo dei servizi segreti israeliani Nativ, rha espresso il parere che il ripristino della base militare ex sovietica a Cuba consentirà alla Russia di aumentare in modo significativo la sua influenza nel mondo, riferisce RIA-FAN. Secondo l’ex spia, la base a Cuba era necessaria all’URSS per bilanciare l’accerchiamento americano del suo territorio.

“La Russia era meno potente allora. Oggi è in un ambiente in cui la Russia ha una superiorità militare strategica sugli Stati Uniti ”, – ha sottolineato Kedmi.

L’esperto ha sottolineato che il coinvolgimento della Russia nella risoluzione del conflitto in Siria e Repubblica centrafricana è difficile da sopravvalutare. A questo bisogna aggiungere il contingente russo in Libia, a sostegno del gnerale Haftar. Inoltre la comparsa di una base navale della Marina russa in Sudan , sul mar Rosso, questo metterà fine al dominio degli Stati Uniti negli oceani del mondo.
La Russia oggi, pur avendo un limitato numero di basi navali, si estende dal Mar Baltico all’Ocenao Pacifico, oltre a una presenza nel Mediterraneo e nel Mar Rosso.
Inoltre la flotta russa dispone di unità navali dotate di missili di medio raggio che possono colpire qualsiasi bersaglio a varie distanze.

Cubani contro il blocco USA

Nota: Il fatto che la Russia voglia nuovamente installare una propria base a Cuba, deve essere inteso come una misura di ritorsione per le continue provocazioni e avvicinamento di basi della NATO verso i suoi confini. Non si spiega perchè la NATO possa disporre di basi militari e missilistiche a pochi Km. dal confine russo, in Lituania, in Polonia, in Ucraina o in Georgia, mentre la Russia dovrebbe mantenersi lontana dai confini della Florida.
Questo avvantaggerà la Russia nel caso si dovesse intavolare in futuro un negoziato fra le due superpotenze per la riduzione delle armi strategiche. Eventualità al momento improbabile.

La presenza russa a Cuba contriuisce inoltre a garantire la sicurezza dell’Isola contro le possibili aggressioni degli Stati Uniti ed ad alleviare il blocco e l’embargo a cui da anni è sottoposta l’Isola caraibica.

Font: News Front Traduzione e nota : Luciano Lago

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com