James Jeffrey rivela i piani americani contro la Siria e a Idlib

James Jeffrey rivela i piani americani contro la Siria e a Idlib

L’ex inviato degli Stati Uniti nella situazione siriana e nella coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti, James Jeffrey, ha affermato di aver “consigliato” l’amministrazione del presidente eletto Joe Biden di continuare la politica perseguita dall’amministrazione del presidente Donald Trump in Siria, perché questa ha avuto “successo”, come secondo lui è avvenuto.

Jeffrey ha dichiarato in un’intervista al quotidiano Al-Sharq Al-Awsat, pubblicata oggi, domenica, riguardo al suo consiglio al team di Biden: “Continua questa politica di successo basata sulla pressione … ha successo, in primo luogo perché non abbiamo commesso nessuno degli errori che l’amministrazione Barack Obama ha commesso in Siria .. è ha avuto successo perché abbiamo usato tutti gli elementi di potere in nostro possesso, inclusa la forza militare … Non ci siamo seduti e abbiamo visto le nostre linee rosse incrociarsi davanti ai nostri occhi “.

Ha aggiunto: Non abbiamo abbandonato la coalizione internazionale (contro l’ISIS) … abbiamo usato le Nazioni Unite … e la cosa più importante è che abbiamo una politica che è supportata da tutti i partiti della regione, inclusa l’Europa … Questo è un ottimo inizio per loro (la nuova squadra) per continuare con questa politica “.

Incaricato USA in Siria Jessey Jeffrey

Jeffrey ha aggiunto che il suo paese fornisce il sostegno necessario a “Israele”, sostenendo che “gli israeliani, con il nostro aiuto, sono riusciti a impedire all’Iran di stabilire una seconda situazione come il Libano meridionale, nella Siria meridionale e prevenire la minaccia contro Israele e altri paesi con un sistema missilistico a lungo raggio”.

Sulla situazione di Idlib , Jeffrey ha detto: ” L’esercito siriano non tornerà a Idlib a causa della presenza dell’esercito turco, poiché questo ha circa 20mila soldati e forse 30mila lì, e loro (i turchi) hanno la capacità di impedire ad Assad di andare a Idlib”, come ha detto.
Ha sottolineato che Ankara ha ottenuto il sostegno degli Stati Uniti, della NATO e dell’Europa per la sua presenza nel nord-ovest della Siria.

Gli Stati Uniti d’America e l’Unione Europea impongono sanzioni contro il popolo siriano e le forze americane occupano le aree petrolifere in Siria per impedire allo Stato siriano di accedervi e sostengono i gruppi separatisti curdi con armi ed equipaggiamenti.

Forze turche nel nord di Idlib

Le forze turche sono presenti nel nord della Siria (a nord di Aleppo e Idlib) mentre l’esercito siriano ha quasi iniziato la battaglia per la liberazionedi Idlib, dopo aver mobilitato le sue forze lì nel 2018, ma l’accordo di Sochi tra Turchia e Russia ha interrotto le operazioni militari, così è stato concordato di consegnare pacificamente la città in più fasi.
Gli USA hanno dimostrato la loro volontà di volere prolungare il conflitto in Siria nonostante i quasi dieci anni di guerra. L’inviato USA in Iran ha dichiarato in precedenza che il compito delle forze USA in Siria è quello di rendere la vita difficile ai russi ed al regime di Assad, questo spiega perchè il comando degli Stati Uniti, assieme a Turchia e Francia, sta continuando ad arruolare e addestrare altri terroristi per compiere azioni di sabotaggio e di terrorismo contro l’esercito siriano e le strutture pubbliche siriane.

Fonte: Al Alam

Traduzione:Fadi Haddad

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com