Analisi di una potenziale guerra con la Cina da esperto militare

Analisi di una potenziale guerra con la Cina da esperto militare

di Fred Reed
Secondo le stime, il commercio statunitense di beni e servizi con la Cina è stato stimato a 634,8 miliardi di dollari nel 2019.
Le esportazioni ammontano a 163 miliardi di dollari e le importazioni a 471,8 miliardi di dollari.
Il deficit commerciale degli Stati Uniti con la Cina ha raggiunto i 308,8 miliardi di dollari nel 2019.
Il commercio di servizi con la Cina (esportazioni e importazioni) è stato stimato a $ 76,7 miliardi nel 2019.

Le esportazioni di servizi sono ammontate a $ 56,5 miliardi e le importazioni di servizi a $ 20,1 miliardi.
L’eccedenza commerciale dei servizi degli Stati Uniti con la Cina ha raggiunto i 36,4 miliardi di dollari nel 2019.
Si parla a Washington di una possibile guerra contro la Cina.

Steve Bannon, che a quanto pare è stato cullato troppo vicino al muro da bambino, sostiene questa guerra. Abbiamo diritto alla solita retorica che fa paura secondo cui i cinesi stanno facendo cose terribili, che dobbiamo aspettarci il peggio e che sono in gioco i valori americani.
Il pericolo è che l’attuale gioco di “chi si muove per primo” nelle acque asiatiche possa effettivamente provocare uno sparo. Sapete il tipo di eventi: una nave da guerra si rifiuta di togliersi di mezzo a un’altra, ne consegue una collisione, un tenente ritardato che ha firmato la rinuncia apre il fuoco e si parte. Ai bambini non dovrebbe essere consentito di giocare con i fiammiferi.
Questa guerra è discussa in termini emotivi da idioti o in termini puramente navali da coloro che hanno familiarità con questa roba, quindi sentiamo parlare della Prima catena dell’Arcipelago delle isole e della Seconda catena delle isole nel Mar Cinese Meridionale e di cosa i missili possono provocare contro altri missili sul nemico e così via. Sarebbe opportuno questo discorso se dovessimo combattere di nuovo la seconda guerra mondiale. Ma non è così.

Diamo una rapida occhiata a come potrebbe svolgersi questa guerra.

Per iniziare una guerra, gli Stati Uniti si sopravvaluterebbero e sottovaluterebbero la Cina. Questa è la dottrina del Pentagono. Probabilmente c’è un manuale su questo. Nella bolla di Washington, i Napoléons ci avrebbero assicurato che sarebbe stata una guerra breve, uno schiocco, una questione di giorni, non di settimane. Sai, come nel Vietnam, nel Laos, in Cambogia, Afghanistan, Iraq, Siria. Quando si è scoperto che i cinesi non lo sentivano in quello stesso modo e la resa non era una delle loro opzioni, con il passare dei mesi si è capito che sarebbero accadute cose diverse e affascinanti.

La Rand Co., un think tank controllato al 100% dal Pentagono, ha condotto giochi di guerra nello Stretto di Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale, concludendo che la guerra potrebbe essere molto lunga e finire con una sconfitta per gli Stati. -Uniti . Non siamo più nel 1960.

Produzione industriale Cina

Va bene, la guerra: il primo giorno tutte le fabbriche americane in Cina sarebbero chiuse. Esempio: la Apple perde le sue fabbriche, i ricavi di queste fabbriche e il mercato cinese di 1,4 miliardi di consumatori. I suoi negozi starebbero chiudendo. La gratitudine di Tim Cook non conoscerà limiti. Le case automobilistiche americane vendono una pletora di auto in Cina, la maggior parte delle quali prodotte in Cina. Da un giorno all’altro perderebbero fabbriche, automobili e clienti cinesi. Nel complesso, la Cina acquista molte più auto rispetto agli Stati Uniti. Questa analisi, se si può chiamare un’analisi così ovvia, può essere ripetuta industria dopo industria. Arrivederci, al voto degli imprenditori.

Nel giro di poche settimane gli scaffali di Walmart sarebbero svuotati. Cammina lungo i corridoi e leggi le etichette “Made in”. Non si tratta solo di secchi e mop di plastica, ma anche di motoseghe, prodotti farmaceutici, motociclette, elettronica e misuratori della pressione sanguigna. Questo per quanto riguarda il voto dei colletti blu. Gli Stati Uniti acquistano ogni anno dalla Cina beni ad alta e bassa tecnologia, beni di consumo e componenti di produzione per un valore di 472 miliardi di dollari . Tutto sarebbe finito con una guerra.

La Cina acquista ogni anno beni statunitensi per un valore di oltre 163 miliardi di dollari: petrolio, semiconduttori, motori di aerei, semi di soia, aerei di linea, ecc. Finito. È difficile stimare la gioia che questo porterebbe in riunioni influenti. E, naturalmente, i lavoratori americani che avrebbero prodotto queste cose per la Cina saranno licenziati. In quanto politica elettorale, ciò si rivelerà controproducente.

La Cina produce la grande maggioranza dei componenti delle terre rare che sono essenziali nella fabbricazione di prodotti elettronici, come i semiconduttori. Nessuna rapida sostituzione è in vista. Sono utilizzati per quasi tutto ciò che viene fatto negli Stati Uniti, compresi i computer che gestiscono i sistemi elettrici delle automobili. Anche se non ho controllato, è possibile che i computer stessi siano fabbricati in Cina. Se vuoi capire la parola “ostile” in un modo nuovo e più profondo, dai un’occhiata agli influenti CEO delle aziende nel loro secondo giorno senza chip.

Produzione della Apple in Cina

In una guerra reale, è probabile che la Cina, avendo pensato a quanto sopra, distruggerebbe (in modo intelligente) le fabbriche di semiconduttori di Taiwan, in particolare quelle di TSMC, così come altre fabbriche di elettronica. Questo difficilmente sarebbe evitabile poiché lo Stretto di Taiwan è largo solo cento chilometri. La perdita di queste industrie sarebbe estremamente dannosa per gli Stati Uniti poiché i loro chip di fascia alta provengono da Taiwan. Ci vorrebbero anni prima che gli Stati Uniti sostituiscano questa capacità nel loro territorio. Alcune delle attrezzature necessarie, macchine per litografia ultravioletta estrema, non sono prodotte negli Stati Uniti e non possono essere distrutte in nessuna circostanza.

Negli Stati Uniti, si scoprirà rapidamente che il paese è un po ‘più dipendente dalla Cina di quanto alcuni potrebbero pensare. Se mi permettete di fare un esempio: l’industria automobilistica scopre che le sue candele vengono dalla Cina. Mentre gli Stati Uniti potrebbero certamente fabbricare queste candele, si scopre che dieci anni fa l’industria ha scoperto che la Cina poteva produrle con il 40% in meno. Nel mondo degli affari cooperativi pre-Trump, questo non era un problema. Non più. Questo per quanto riguarda le vendite di auto. E per i lavori degli operai che li fanno.

Scommetto tutte le mie miniere di diamanti in Sud Africa e le mie terre per il bestiame in Argentina che, se esaminassi un elenco di parti di ricambio per, diciamo, aerei di linea Boeing, ne troverai molti di queste prodotte in Cina. Naturalmente, alla fine gli Stati Uniti potrebbero ottenerne la maggior parte. Ma le aziende avrebbero bisogno di parti di ricambio ora, non lungo la strada.

Esercitazioni militari cinesi

Gli effetti su altri paesi di una grande guerra contro la Cina sarebbero catastrofici. Anche altri paesi ricevono molte cose dalla Cina o da Taiwan, come i semiconduttori. La Cina è il principale partner commerciale di Google. Un modello diventa subito chiaro: la Cina è un enorme partner commerciale per praticamente tutti. “Tutti” include Germania, Giappone, Australia, Russia e Sud America nel suo complesso. L’economia mondiale crollerebbe.

Avrebbe senso? Gli Stati Uniti sono già in gravi difficoltà, con una valuta in rapido deprezzamento, una classe media in collasso, imprese che muoiono a causa della crisi Covid, posti di lavoro che scompaiono all’estero, persone che vivono di mano in bocca e disordini sociali che sfociano in rivolte in tutto il continente. Pensi che il pubblico sosterrà volentieri una guerra insondabile e stupida che provocherà un’istantanea, profonda e mortale depressione economica? Se è così, probabilmente hai alcuni problemi cognitivi.

Una mezza dozzina di persone strane che girano intorno alla Casa Bianca possono infliggere una simile guerra all’intera terra, senza essere ostacolata da un Congresso non necessario. Sono gente strana. Sì, lo so, è improbabile che Trump inizi deliberatamente una terza guerra mondiale.
No, i generali del Pentagono sono tutt’altro che abbastanza stupidi. (Potrebbero persino rifiutare, sottolineando che l’inizio di una guerra richiede una dichiarazione del Congresso).

Il problema è che per anni gli Stati Uniti, se non alla ricerca di un conflitto, si aspettavano che un altro paese ne iniziasse uno. Ad esempio, assassinando funzionari iraniani, ritirandosi dai trattati sul controllo degli armamenti, spingendo la NATO sempre più vicino alla Russia, sanzionando paesi ben oltre quella che può essere definita una guerra commerciale, e giocare al gatto con il topo con la Cina nel Mar Cinese Meridionale. In queste circostanze, puoi combattere senza cercarne uno.

fonte: https://www.unz.com

Traduzione: Luciano Lago

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com