Il neopuritano

Il neopuritano

Flavio Ferraro

La nostra è una società schizofrenica. Così vediamo sedicenti femministe dichiararsi favorevoli all’utero in affitto,cioè alla più estrema forma di mercificazione del corpo femminile che si possa immaginare, con la donna ridotta a macchina incubatrice per soddisfare i capricci di qualche coppia facoltosa, sia essa etero o gay; antifascisti fuori tempo massimo che ricorrono a metodi squadristi – dalla censura alla delazione, fino ad arrivare all’aggressione fisica − per silenziare chiunque metta in discussione i dogmi del pensiero unico; vegani che giudicano criminale mangiare la carne, e poi esortano le donne a non procreare per il bene dell’ambiente, in nome di un ecologismo che cela una feroce antropofobia .

Ma il marchio caratteristico di questi esponenti dell’ideologia progressista, da un lato è la loro avversione verso la religione, la morale tradizionale e il senso comune, e dall’altro un moralismo ipertrofico, una melassa di buoni sentimenti e pensieri edificanti che solo apparentemente sembra contraddire il loro sbandierato immoralismo.

In realtà quello a cui stiamo assistendo ai nostri giorni è l’emergere di un’inedita forma di moralismo, un neopuritanesimo perfettamente funzionale ad un sistema che si basa essenzialmente su comportamenti e pratiche immorali. Il puritano odierno – che rappresenta l’esatto opposto dell’uomo etico − non nega la virtù, il bene, la verità, ma ne fa una mostruosa parodia; egli non nega, ma rovescia, inverte…Continua la lettura sul sito Il Pensiero Forte

Fonte: Il Pensiero Forte.it

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com