Affare Navalny – Il ministero degli Esteri russo convoca l’ambasciatore tedesco e annuncia una possibile crisi internazionale

Affare Navalny – Il ministero degli Esteri russo convoca l’ambasciatore tedesco e annuncia una possibile crisi internazionale

di Karine Bechet-Golovko

In considerazione dell’aumento dell’isteria in Occidente intorno all’affare Navalny, alle dichiarazioni aggressive del G7 nei confronti della Russia e al coinvolgimento dell’OPCW, la Russia ha deciso di reagire con fermezza. Il ministero degli esteri ha convocato l’ambasciatore tedesco per consegnargli una nota di protesta. 

Poiché ad oggi nessuna analisi è stata trasmessa alle autorità russe, Navalny è ancora cittadino russo, se le autorità russe non riceveranno i documenti richiesti, considereranno questa una provocazione ostile, con tutte le conseguenze che, logicamente, risultino, attribuendo la colpa di questa crisi internazionale non solo alla Germania, ma anche alla NATO e all’UE. 

Quando Navalny è stato esfiltrato in Germania, i medici russi hanno anche fornito i risultati delle analisi effettuate, in modo che i loro colleghi tedeschi potessero continuare immediatamente le cure messe in atto, che hanno permesso al caro protetto dai globalisti di rimanere in vita. Dopo alcune dichiarazioni di funzionari tedeschi che invocavano l’avvelenamento, il laboratorio militare ha “trovato” Novichok nel paziente, che però non ne è morto e che per di più era l’unico contaminato, in uno spazio chiuso come un aeroplano. Né all’aeroporto di partenza, né all’ospedale, nessuno è stato colpito.

Ricovero Navalny per sospetto avvelenamento

  Per un’arma chimica militare, sotto forma di un gas particolarmente volatile, questo solleva molte domande.

Nonostante le ripetute richieste dalla Russia di accesso alle analisi di Navalny effettuate in Germania, nulla è stato trasmesso. Allo stesso tempo, la pressione politica internazionale sta aumentando. I ministri degli esteri del G7 dichiarano all’unanimità la Russia colpevole:

G7: l’attacco a Navalny è un nuovo attacco alla democrazia in Russia

E, naturalmente, la Russia è chiamata a “fare luce” su questa vicenda. Il fatto che i medici russi non abbiano trovato alcuna traccia di novichok, che anche il Comitato investigativo sui trasporti della Siberia non abbia trovato alcuna traccia di quest’arma chimica non cambia nulla :

Noi, ministri degli Esteri del G7, chiediamo alla Russia di fare piena luce, senza indugio e in piena trasparenza, sull’identità degli autori di questo atroce avvelenamento

E sempre dalla parte del bene, cioè del loro, ad assumere l’ingerenza in nome della “democrazia”:

Restiamo fermamente impegnati a sostenere la democrazia, lo stato di diritto e i diritti umani in Russia e a rafforzare il nostro sostegno alla società civile russa.

Chi potrebbe essere contro la democrazia? Certamente non gli iracheni, i libici o gli ucraini – dopo essere stati “democratizzati” dagli interventi USA.

E non si ferma qui, il comunicato congiunto dei ministri degli Esteri tedesco e francese per andare ancora oltre nella condanna:

Condividono la profonda costernazione per questo attacco al signor Navalny, che costituisce un attacco molto serio ai principi elementari della democrazia e del pluralismo politico. Notano che questo attacco all’integrità fisica di una personalità dell’opposizione russa, purtroppo, non è un atto isolato. In questo contesto, esprimono la loro aspettativa che le autorità russe saranno in grado di garantire le condizioni per l’espressione dei diritti civili e politici fondamentali della popolazione russa.

E poiché questo si chiama attacco chimico, ovviamente l’OPCW deve affrontarlo. Queste dichiarazioni risalgono al 9 settembre. Buona cosa, perché una settimana fa, il 3 settembre, questa Organizzazione internazionale contro le armi chimiche si è dichiarata pronta a unirsi al ballo.

La situazione sta ancora diventando divertente. Non solo la Russia non ha alcun interesse politico a creare una vittima sacrificale che consentirebbe alla comunità internazionale di rilanciare l’ondata di russofobia, ma inoltre Navalny non ha assolutamente alcun capitale politico all’interno del paese, fa di meno rumore vivo che malato o morto . 

Quindi, se i medici russi e il comitato investigativo non hanno trovato traccia di novichok, che nessun altro è stato colpito, ci sono buone probabilità che, in effetti, in Russia, Navalny non sia stato contaminato con il novichok.

Una delle due cose: o, e oggi, Navalny non ha contaminazione da novichok e la Germania sta bluffando, da qui la riluttanza a inviare analisi in Russia, oppure oggi è contaminato da novichok … Ma poi questo avvelenamento è stato fatto dopo la sua partenza dalla Russia, sull’aereo speciale che lo ha esfiltrato, sui veicoli sanitari militari che abbiamo recuperato con le tute spaziali all’uscita dall’aereo o alla Charité.

Non avendo risposta alle sue richieste ufficiali di informazioni, la Russia ieri ha reagito con forza.  Innanzitutto ieri è stato rilasciato un comunicato ufficiale in cui si sottolinea che le autorità russe non hanno ricevuto le informazioni necessarie dalle autorità tedesche, il che le impedisce di poter svolgere tutte le misure investigative che sono in corso e che, inoltre, i medici russi hanno già offerto ai loro colleghi tedeschi una stretta collaborazione, ma senza risposta. Il che solleva interrogativi … politici:

“  Allo stesso tempo, sullo sfondo di un approccio così poco costruttivo da parte delle autorità tedesche, continuano gli attacchi infondati contro la Russia. La portata della massiccia campagna di disinformazione mostra che i suoi autori non miravano alla salute di A. Navalny e alla scoperta delle vere ragioni del suo ricovero, ma alla mobilitazione di una volontà sanzionatoria.  “

Navalny il dissidente avvelenato

Logicamente, ma in gran parte ignorato dai media, lo stesso 9 settembre  l’ambasciatore tedesco è stato convocato alla Farnesina per ricevere una nota di protesta a causa delle accuse verbali e degli ultimatum rivolti alla Russia, nonché a causa della strumentalizzazione tedesca del ricovero in ospedale di un cittadino russo, Navanly, per screditare la Russia sulla scena internazionale. Anche in questa occasione è stata fatta ufficialmente richiesta di trasmettere alla Russia tutte le informazioni riguardanti lo stato di salute di Navalny.  Altrimenti :

”  All’ambasciatore è stato detto che l’assenza dei documenti di cui sopra sarà considerata un rifiuto da parte della Repubblica federale di Germania di stabilire la verità attraverso un’indagine obiettiva e le sue azioni passate e future legato ad A. Navalny come una sfacciata provocazione ostile contro la Russia, che avrà conseguenze sui rapporti russo-germanici quanto gravi complicazioni sulla scena internazionale. 

Tutta la responsabilità per le conseguenze di questa politica spetta alla Repubblica Federale di Germania e ai suoi alleati nella NATO e nell’Unione Europea . “

È passato molto tempo da quando abbiamo assistito a una reazione così forte da parte della Russia, questo è un ottimo segno, perché la lotta che sta arrivando, sullo sfondo di un tentativo di seppellire la Bielorussia nel mondo globale e la sottomissione degli stati attraverso il Covid sarà dura.

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com

Traduzione: Gerard Trousson

veronulla

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com